Planeta A

Che tipo di cibo salverà il mondo?

O meglio, che tipo di cibo salverà la razza umana? È vero che tutte le persone dovrebbero smettere di mangiare carne? Che tipo di dieta è più sana e migliore per il pianeta? Qual è la dieta più sostenibile

Prima di andare oltre, faccio una cosa chiara: RISPETTO TUTTE le opzioni. Questo non è un articolo per attaccare vegani o contro il veganismo. Inoltre, ammiro le persone che scelgono di non mangiare nulla di origine animale per vivere di più secondo le loro credenze, sia per il loro amore per gli animali, sia perché pensano che l'allevamento di mucche sia l'origine del problema ambientale (che in parte , lo è). Trovo piuttosto una sfida in paesi come la Spagna, dove si ordina un piatto vegetariano in un ristorante di uomini e servono un'insalata con tonno, o qualche piselli con prosciutto. In ogni caso, quel vegano vegano in molti luoghi si può mangiare solo lattuga perché la sensibilità al soggetto, zero.

Lo chiarisco perché ultimamente ho letto molto resquemor nelle reti tra vegani e onnivori, tra animalisti e ambientalisti. Ebbene, credo che tutte le scelte e le decisioni prese consapevolmente e dopo un minimo di riflessione, siano rispettabili, perché entrano in gioco molti fattori che non possono essere giudicati al primo cambiamento.

Detto questo, in questo articolo voglio dire perché credo che la dieta vegana non sia la più sostenibile per il pianeta, e qual è, a mio parere, la dieta più rispettosa dell'ambiente, con il corpo e per l'equilibrio sociale. In breve, la dieta più sostenibile.

In primo luogo, quali sono i fattori più importanti da considerare per mangiare una "dieta sostenibile"?

Salute

Soprattutto: la salute. Ed è chiaro che mangiare sano, starà meglio e ti prenderai più cura di questo pianeta, anche. Evitare i prodotti industriali, che vengono anche confezionati e generano rifiuti. Mangiare alimenti ingredienti che sono ingredienti, non contengono migliaia di ingredienti, vale a dire frutta, verdura, pesce, uova, carne, ecc., senza conservanti o tinture o altri additivi e, naturalmente, privi di sostanze chimiche, erbicidi e pesticidi nella loro coltivazione o l'allevamento (ovviamente il più rispettoso possibile), cioè la coltivazione biologica.
Uno studio pubblicato sulla rivista PNAS mostra che gli alimenti più dannosi per gli esseri umani sono anche dannosi per il pianeta e che fino al 60% dei fattori di rischio responsabili di tutte le malattie sono il risultato di una dieta di scarsa qualità!

Inoltre, un altro recente studio condotto dal Centro di ricerca epidemiologica e statistica della Sorbona di Parigi, l'Istituto Nazionale di Salute e Ricerca Medica (INSERM), l'Istituto Nazionale di Ricerca Agronomica (INRA), insieme ad altri La ricerca francese ha dimostrato che il consumo di prodotti biologici (prodotti senza fertilizzanti sintetici, pesticidi e organismi geneticamente modificati che limitano l'uso di medicinali veterinari) riduce il rischio di cancro.

Non c'è dubbio, vero?

LE MIGLIA PERCORSE

Un'altra questione essenziale è il viaggio che il cibo fa per raggiungerti. Il trasporto alimentare è una delle attività più inquinanti del pianeta. Aerei, camion, barche… migliaia di tonnellate di cibo vengono trasportate ogni giorno, in modo che i tedeschi possano mangiare ananas dolci e le uve raggiungono il Brasile. Più cibo ci trasporta e non ci è locale, più contribuiremo all'inquinamento e alle disuguaglianze sociali. Un esempio di questo è il terribile effetto della moda. La sovrapproduzione di cibo per soddisfare la domanda in altri paesi ha un effetto devastante sul pianeta e sulla società. Succede oggi con avocado, miele e naturalmente carne. La coltivazione di avocado in Cile per il consumo in Europa ha contribuito notevolmente alla siccità in molte zone limitrofe, e quindi alla perdita di colture da altri alimenti della zona, e quindi all'impoverimento di molti popoli e alla perdita di biodiversità d nella zona. È successo anche di recente con quinoa, con vaniglia, con banana… Quindi, il mio consiglio: non lasciarti trasportare dalla pubblicità, dimenticare le mode e consumare KM0! (o il più locale possibile.


"Il mio consiglio: non lasciarti trasportare dalla pubblicità, dimenticare le mode e consumare KM0! (o il più locale possibile."

Questo è strettamente correlato ad altre due questioni importanti:

IL RITMO DELLE COSE 

Né una dieta che include arance in agosto e uva nel mese di aprile essere sostenibile, come dice la canzone… Una dieta sostenibile dovrebbe basarsi sul consumo alimentare stagionale. Sai quali verdure possono essere coltivate fino in fondo? Quali frutti vengono raccolti nel mese di dicembre? Abbiamo perso un po' della nozione di tempo in termini di cibo e non sappiamo più molte volte quali sono i prodotti stagionali e quali sono la serra. Qui vi lascio un calendario di frutta e verdura per stagione fatta da ecoenol nel caso in cui possa aiutare un po 'quando si va al mercato per acquistare il vostro cibo (in base alle stagioni europee,a ovviamente cambia anche a seconda della zona geografica).


Consumo di risorse e impatto globale e sociale 

Questi sono due aspetti che non possono essere trascurati e devono essere presi in considerazione quando si sceglie una dieta sostenibile. E qui arriviamo alla carne, ma non solo alla carne. È vero che allevare bestiame per rifornire l'attuale consumo di carne richiede enormi campi di coltivazione, enormi quantità di acqua e molta energia. Il bestiame contribuisce alla deforestazione e alla disuguaglianza sociale a livello globale. La produzione di un chilo di carne bovina utilizza tanto acqua quanto: 40 lavandini, 300 scarichi di servizi igienici, 100 volte la quantità di acqua potabile a persona calcolata dall'UNESCO.
Non è sostenibile mangiare carne e non è salutare. Ma state attenti! lo stesso vale per il pesce e simile ai cereali e verdure.
La pesca industriale cela sistematicamente i mari e il loro allevamento comporta una serie di problemi.

E le verdure? La dieta vegana è più sostenibile? Smettere di mangiare prodotti di origine animale questi problemi risolvono questi problemi? Purtroppo, No. L'agricoltura produce circa il 20% delle emissioni di gas a effetto serra ed è la principale causa di perdita di foreste. E non è solo per la coltivazione di mangimi per animali. Mais, soia, grano, olio di palma… per non parlare del cotone coltivato per far sì che i tessuti contribuiscano in modo significativo all'inquinamento del suolo e alla perdita di biodiversità. L'agricoltura intensiva utilizza innumerevoli sostanze tossiche molto nocive (agrotossici e pesticidi) per la salute e naturalmente per l'ambiente. Inoltre, il 35% dei semi coltivati sul pianeta sono nelle mani di una sola azienda, che è anche uno dei maggiori produttori di pesticidi. Possibilità? Sai di chi stiamo parlando? Vi invitiamo a guardare questo video.

Cioè, devi sapere da dove viene quello che mangiamo, perché mangiare una bistecca sollevata in una piccola fattoria locale occasionalmente fa meno danni rispetto a mangiare soia ogni giorno.

Naturalmente non possiamo dimenticare i contenitori e la plastica che inquina i mari e anche l'aria che respiriamo. A questo dedicheremo un altro articolo in profondità. Mi rinuncerò a pochi fatti: ogni anno vengono prodotti 500 miliardi di bottiglie di plastica. 8,3 miliardi di tonnellat
e di plastica sono già state prodotte in tutto il mondo e si prevede che entro il 2020 si verificherà un anomalo del 900% in più. Senza dubbio, si dovrebbe evitare i prodotti confezionati.

Quindi COSA NOI EAT?

Con tutto quanto sopra in mente, ecco i miei consigli per mangiare una dieta più sana e sostenibile possibile:

  1. Consuma prodotti senza additivi o sostanze tossiche, per essere di coltivazione biologica e produzione locale e nazionale (migliore Km0!). Guarda sempre la fonte di produzione! (o domanda).
  2. Consumare prodotti il più naturale possibile, evitare prodotti industriali e confezionati.
  3. Mangiare prodotti stagionali! 
  4. E se riesci a far crescere qualcosa da solo, è un'esperienza molto gratificante.
  5. Mangiare vario. Qualunque sia la vostra scelta, cercate di non mangiare molto di una cosa e mangiare il più vario possibile. Evitare quegli alimenti che provengono dall'agricoltura allevamento o intensiva.

L'hai trovato interessante? Commenta, condividi e segui il Pianeta zero!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *