Planeta A

Non lasciare che niente torni al modo in cui era una volta… Che questa quarantena sia una rivoluzione personale e sociale!

Paura, angoscia, tristezza, frustrazione, smarrimento… Ciò che è chiaro è che la situazione di emergenza globale ci ha messo al limite in ogni modo, e questo ha anche risvegliato in noi nuove emozioni. Ci ha fatto riflettere sulle grandi e piccole cose della vita: sul ritmo delle cose e sul passare del tempo, sulle nostre routine, sui nostri valori e sui nostri sogni (realizzati o da realizzare), su ciò che funziona e ciò che non funziona nelle nostre società, e su quanto siamo fortunati in alcuni paesi rispetto agli altri, su ciò che la solidarietà significa davvero , sul pianeta e sull'impatto dell'umanità, sull'effetto che abbiamo sul mondo… Se una cosa sono chiara è che sto imparando giorno per giorno, e ho un grande desiderio per quando questo finisce (o accade…)

Non lasciare che niente torni com'era prima!

A causa di tutta questa megiunzione sentimentale ed esperienziale, di tutto ciò che è cambiato, spero che alcune lezioni non scompaiano:

Continuiamo ad apprezzare e valorizzare il lavoro di assistenza e servizi di base

Abbiamo notato che medici e infermieri, portatori, spazzatrici, spazzini, camionisti, fattorini, cassieri del supermercato, badanti, insegnanti, insegnanti… sono essenziali per una società per andare avanti. Che senza di loro, le società sono vuote e che ciò che normalmente è considerato "terzo", sono in realtà quelle che ci tengono in vita. Difendiamo e apprezziamo il lavoro di base e i servizi! Possa tutto questo servire a far guadagnare alle persone impegnate in cure e servizi di base e il loro lavoro da valutare come meritano, non solo ora che ci sembrano essenziali, perché sono sempre e lo saranno sempre.

Stiamo trascorrendo del tempo con il nostro nucleo familiare in modo diverso rispetto al passato. Continuiamo a tempo di qualità impegnativo con il nostro!

Siamo insieme 24 ore al giorno, e anche la nostra casa è stata trasformata: in ufficio, scuola, parco giochi, palestra, ristorante, prato per pic-nic… Ci siamo adattati a tutto e non è stato facile. Ma poter trascorrere più tempo con la nostra gente non ha prezzo: mangiare insieme ogni giorno, parlare di tutto e niente, ridere e piangere, giocare, giocare e giocare con i nostri figli e figlie! Abbiamo inventato storie, fatto torte, trasformato la sala in una sala da concerto, teatro, circo… E anche i giochi recuperati che avevamo dimenticato nella nostra memoria, o inventato giochi e mestieri incredibili! Combinarlo con il lavoro e la vita quotidiana è davvero faticoso. Ma sono sicuro che ricorderemo questi momenti per tutta la vita. Combattiamo per la conciliazione e passiamo del tempo di qualità con i nostri figli!

Abbiamo notevolmente ampliato le nostre competenze. Non lasciarli smettere!

Siamo diventati chef, labrador, hortelanos, artigiani e artisti, idraulici o elettricisti… Sarte, calzolai o ballerini. Abbiamo imparato a fare un sacco di cose a casa che non abbiamo fatto prima. Abbiamo fatto pane e torte, piatti gurmet, crocchette, pane tostato (io almeno cogliendo l'occasione per cucinare qualche malinconia spagnola!), abbiamo sperimentato con coloranti e texture. Ok, non abbiamo ancora fatto bene (i dolci non sono la mia cosa purtroppo), ma abbiamo provato! Abbiamo lasciato che la nostra immaginazione scatenasse fuori dalla nostra zona mentale di comfort. Prima di tutto questo avevo già fatto saponi, shampoo e altri cosmetici con prodotti naturali per qualche tempo… in questa stagione, sapendo di poter produrre molte delle cose fondamentali di cui ho bisogno, mi ha dato molta tranquillità e soddisfazione infinita. Se non l'hai ancora provato e sei curioso, ti invito a farlo. Continuiamo a liberare la nostra immaginazione e sviluppare le nostre abilità di vita!

Abbiamo riorganizzato i nostri valori e i nostri sogni. Non dimenticarti di noi!

Ci siamo resi conto che abbiamo bisogno di molto meno di quanto pensassimo per essere bene ed essere felici: un po' di sole, un buon pasto, una chiamata da un amico… Il consumo e la spesa sono entrati in secondo piano e stiamo imparando a sfruttare tutto ciò che abbiamo a casa. E non ci manca nulla (o ciò che ci manca può aspettarci). Non dimenticare quali sono le cose veramente importanti per la vita.

In questi giorni, mi è diventato molto chiaro che ciò che mi tiene in vita, ciò che mi dà pace sono cose semplici: passare del tempo con la mia (e parlare spesso con quelli che ho lontano), prendermi cura di loro (e prendersi cura di me, naturalmente!), mangiare bene, le mie piante, il frutteto, i miei gatti… trascorrere del tempo a contatto con la natura, e un po 'di cultura! Musica, cinema, libri (e anche magia, opera, tutto!) … sono cibo per la mente e lo spirito, e anche se molte volte è anche considerato secondario, in questo tempo di confinamento, è qualcosa che credo a tutti noi abbia portato, non solo momenti di intrattenimento, ma anche momenti di emozione, riflessione, gioia, sollievo… Difendiamo l'accesso a una cultura di qualità.

Tutto va bene e nulla viene buttato via. Continuiamo a ridurre i nostri rifiuti! (e approfittando di tutto)

Non so voi… Ho avuto le allucine con la quantità di cose che sono stato in grado di risolvere, riutilizzare, riparare, riutilizzare e rientrare in questi giorni. Forse qualche mese fa, un sacco di cose li avrebbe parcheggiati o scartati e comprato di nuovo. Ma durante questo periodo, con i negozi chiusi, 3/4 persone a casa e risorse limitate… Ho visto come con un po' di immaginazione, non sono poi così limitati, danno molto. Scatole di frutta sono diventati treni ad alto raggio, tessuti o vecchi vestiti in costumi, bambole, ornamenti, resti di verdure in nuovi germogli. Con farina e coloranti alimentari abbiamo fatto (a parte il pane) ornamenti primaverili e pasquali, argilla e mille altre cose. La lenza e il nastro sono utilizzati per riparare quasi tutto. E siamo diventati una sorta di McGivers (quello che ha fissato tutto con spadrapor gomma). Che qualcosa si rompe, lo aggiusto. Se manca qualcosa, c'è sempre un'alternativa. Ciò che è chiaro è che NULLA viene buttato via. Più le risorse sono limitate, più ci rendiamo conto del loro valore. Continuiamo a valorizzare ciò che abbiamo ed evitare sprechi! per noi stessi e per il pianeta.

Cerchiamo di essere più empatici e solidali

A livello politico, sono molto deluso dalla mancanza di solidarietà in Europa. In Italia abbiamo ricevuto più aiuto da paesi come la Cina o Cuba che dai nostri vicini. A livello personale abbiamo imparato a guardare i vicini in modo diverso. Per incontrare molti che fino a poco tempo fa erano invisibili. Sia a livello globale che individuale, mi è chiaro che condividere risorse, conoscenze ed esperienze ci rende molto più ricchi e ci offre molti vantaggi rispetto alle avversità. Mi auguro che la solidarietà sia considerata essenziale nel prossimo futuro.

Possiamo anche essere più umani e umili

Una delle cose che mi è piaciuta di questa stagione, e che mi hanno fatto sentire più calmo con la vita, è stato quello di vedere la parte più umana delle persone… Vedere i figli dei miei compagni di classe e colleghi in giro in riunioni virtuali, vederli in pantofole o non rasati… vedere i vicini che escono per portare fuori la spazzatura curato come Domenica … Comunque, vedendo quella faccia che normalmente nascondiamo un po' agli altri, ma che alla fine ci rende tutti più simili e ci aiuta a capire che tutti abbiamo i nostri giorni buoni e cattivi, i nostri problemi, i nostri sogni… che non siamo pietra e che non c'è niente da mostrare su quelle "imperfezioni della vita reale". Che tutto questo ci permetta di essere più naturali e più vicini, più umani.

D'altra parte, per me una strana lezione da tutto questo è stata rendersi conto che in realtà molte volte aiutiamo di più diventando piccoli, in piedi, stando fermi a casa, smettendo di recitare. Ed è una lezione strana, ho sempre creduto nell'attivismo, nell'uscire per strada, per protesta… Ma questa volta è stato il nostro turno di imparare che rallentare a volte è meglio per tutti. Che non possiamo risolvere tutto, o non individualmente. Umiltà.

Abituiamoci a respirare aria più pulita

Abbiamo visto come in poche settimane, lo stop di trasporto e il movimento umano ha contribuito a migliorare notevolmente la qualità dell'aria, molte specie di argento e animali si stanno riprendendo o sono tornati in luoghi dove non sono stati visti per molto tempo. È una lezione difficile, ma molto reale: il mondo non ha bisogno di noi, siamo noi che abbiamo bisogno del mondo, di un mondo sano, di un mondo in cui tutti ci adattiamo, in cui lasciamo respirare gli altri come ci piace respirare noi stessi.

La prova di questo è che gli animali stanno tornando in luoghi dove molti anni fa non si vedevano, grazie all'assenza di esseri umani. Delfini nei porti di Trieste, cigni e pesci nei canale di Venezia, cinghiali per le strade di Barcellona, orsi nelle zone rurali… la natura fa il suo corso e ci invia un messaggio, rendendo molto chiaro che la nostra impronta è troppo grande, che è svanita ma che siamo ancora in tempo per rispondere in un altro modo. Spero che tutto questo sia servito a rendersi conto di quanto sia importante "diminuire", cambiare paradigmi, scommettere su un sistema più precoce e rispettoso dell'ambiente in cui viviamo. Possano coloro che hanno deciso di prendere la moto per evitare il contatto umano, continuare a farlo perché è più sano e più verde. Un'opportunità per stabilire un nuovo ordine di priorità, si comportino maggiori investimenti nelle politiche verdi, per approfittare di questa crisi.

Delfino davanti al Castello di Miramare a Trieste.

Che gli abbracci siano sentiti

Come quelli che vorrei dare ai miei genitori, a mia sorella, a mia nipote, ai miei amici. Chi conforta, carica le batterie, che ti fa sospirare, che ti ricollega al mondo. Quegli abbracci che ci mancano così tanto ora… facciamo più sensi che mai. Perché stanno guarendo e rafforzando. Non appena questo è finito, ho preparato un paio per un paio di persone…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *